Vera Coghi

Il nonno di Vera, Natale Gregotti, con i suoi due fratelli Luigi e Francesco acquista nel 1908 dagli eredi dei marchesi Isimbardi la vasta tenuta agricola allora costituita da circa 10.000 pertiche milanesi, il castello e numerosi fabbricati di servizio.

 

Dal matrimonio fra Annunciata Gregotti (detta Nuccia) e Luigi Coghi nascono Adriana, morta in tenera età e, nel 1928, Vera.

 

La giovinezza di Vera trascorre tra Milano e Castello d’Agogna. Dopo un breve matrimonio, conclusosi con l’annullamento della Sacra Rota, e alcuni anni passati a Milano, Vera ritorna al Castello e assume la direzione della propria azienda agricola, dimostrando capacità imprenditoriali insolite per l’epoca; tutta la sua vita appare improntata alla determinatezza, al coraggio e a un forte spirito di indipendenza accompagnati però da uno stile di vita discreto e appartato.

Vera Coghi si spegne il 26 Aprile 2007, lasciando il suo intero patrimonio a opere di beneficenza e di solidarietà sociale.